Convento di San Pietro in Aria

Borgo di Terzo | Luoghi religiosi

Una dimora dello spirito per la vivace vita della badessa Gisella

Avere una figlia monaca nel Medioevo era una questione di status. Sostenere un monastero o addirittura fondarlo era un investimento per l’eternità, in tutti i sensi. Così l’unico convento della Val Cavallina dedicato a San Pietro doveva essere per i nobili della zona come i Terzi e i De’ Bullis futuro per il discendente e prestigio per la famiglia. Dalle cronache le monache diventate badesse poi emergono come vere e proprie donne di potere al centro di un microcosmo vivacissimo.

 

Una di loro è la Badessa Gisella, che nel Trecento provvedeva al cibo per lo spirito e per il corpo del convento: accanto a preghiera e raccoglimento infatti le sue monache erano occupate in una miriade di attività quotidiane, come rivelano sia le cronache, sia la struttura dell’affascinante monastero che sorge su un colle nei pressi di Borgo di Terzo. Un vero e proprio microcosmo incastonato nel cuore della Val Cavallina.

Fienili, granai, rimesse, cantine, terreni e uno spazio dedicato a fiori e piante offrono indicazioni sulla vita che qui svolgevano le suore, che si possono immaginare in preghiera mentre fanno scorrere tra le dita i grani del rosario sotto i portici del loggiato del questo monastero.

Quello che forse non si immagina invece sono le relazioni delle monache col territorio: coltivazioni di cereali, vino, scambi commerciali, terreni in affitto, rapporti con le famiglie locali… inoltre anche il convento era un fermento costante di attività tra la chiesa, l’edificio conventuale, i rustici. San Pietro infatti era un vero e proprio complesso di edifici arroccato sulla collina la cui esistenza è documentata già nel 1122, le cui relazioni con l’intera valle erano intensissime.

Non tutto però è sopravvissuto ai secoli: la chiesa romanica del convento di cui parlano i documenti oggi è scomparsa, così come l’edificio originale, sostituito del Cinquecento da quello attuale, ma la quiete del luogo custodisce nel silenzio una storia di profonda spiritualità che convive con le vivaci giornate delle monache, vere e proprie imprenditrici rurali del medioevo.

 

CONTATTI

  • Via San Pietro Borgo di Terzo